Cos’è l’Isola

Ho letto che c’è chi vorrebbe boicottare le aziende che delocalizzano, che lasciano l’Italia e investono all’estero. E ho letto una risposta di un lettore, che diceva “l’idea è moralmente buona, ma praticamente inapplicabile. Perché ormai delocalizzano tutti”. Ma chi sono questi tutti?

Chi delocalizza?
È proprio questa la domanda a cui il nostro blog vuole dare una risposta. Chi è che delocalizza? Perché ci sono vari modi per delocalizzare. Chiudere un’azienda in Italia con l’obiettivo di aprirne una in Romania, Polonia o Cina. Ma anche aprirne una in Serbia e poi, dopo anni, chiudere l’italiana. E pure minacciare i dipendenti di delocalizzare se non accetteranno condizioni di lavoro peggiori rientra nello schema.

Questo blog vuol essere solo uno strumento di informazione sulle delocalizzazioni. Nella sezione Categorie, appariranno i nomi delle società che hanno delocalizzato di cui abbiamo già scritto. Aggiorneremo l’elenco e le informazioni continuamente, anche con le storie ormai passate. E seguiremo i fatti attuali, specie in questo momento di crisi, parola spesso usata solo per giustificare la voglia di qualche imprenditore di guadagnare di più pagando di meno i lavoratori.

Un blog in stile giornalistico (ma non un giornale)
Cosa vorrete farne di queste informazioni sarà una vostra scelta. Noi, il sottoscritto e Gennaro Barbieri, vogliamo anche sul blog rispettare il nostro lavoro. Siamo giornalisti, perciò apertissimi a tutte le collaborazioni, ma con uno stile da quotidiano. E siamo in due, non in quaranta. Abbiate quindi pazienza se non saremo sempre tempestivi.

Un omaggio all’Isola dei Cassintegrati
Il nome, invece, è ispirato all’esperienza dell’Asinara. Oggi è su tutti i giornali, magari quando rileggeremo questo post tra un anno o due, sperando che il blog sia ancora attivo, nessuno si ricorderà. Mentre iniziava l’ennesima edizione del reality show L’Isola dei Famosi, un gruppo di operai in cassa integrazione si è rinchiuso nell’ex carcere per dare vita all’Isola dei Cassintegrati.

Lavorano per la Vynils, un’azienda chimica, in questo momento in amministrazione controllata, e per una possibile soluzione sono in trattative l’Eni e la Ramco del Qatar, ma ancora non si hanno certezze. Chiedono rispetto, ma soprattutto di essere ascoltati dai media. Per 50 giorni hanno occupato la torre aragonese di Porto Torres e nessuno li ha intervistati. Perciò questo è un omaggio a loro, con la speranza di poter ascoltare e raccontare la storia di altri lavoratori, anch’essi col rischio di rimanere senza lavoro.

Mandateci pure proposte, consigli, idee. Se volete scrivere, scrivete anche degli articoli, se sono coincisi, e con i numeri e le informazioni controllate e confermate. Le supposizioni e i commenti… bè, quelli sono compito dei lettori.

Buona lettura a tutti

Riccardo Bianchi

Annunci

2 commenti su “Cos’è l’Isola”

  1. maxivena Says:

    Sono entrata nel più grande negozio di articoli sportivi di Perugia ed ho chiesto uno scarponcino da trekking fabbricato in Italia,non ne avevano, sono tutti made in China. Anche l’abbigliamento è tutto fabbricato in P.R.C.

  2. marco genova Says:

    è vero è successo anche a me…anche se guardando tutti i modelli ne ho trovati 2 fabbricati in romania. ho preso quello perchè almeno e nella cee…. idem per sedie e tantissimi altri prodotti.,anche se progettati e marchiati italiano. boicottiamo le aziende che delocalizzano, e cerchiamo , nel possibile di nn comprare prodotti cinesi , coreani ecc…
    se no andiamo a bagno tutti !!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: