GEOX, LA NON-PRODUZIONE ITALIANA

Geox

Pubblicità Geox

All’inaugurazione di un nuovo stabilimento Geox a Treviso c’era anche l’ex ministro Scajola, che ha lodato le qualità imprenditoriali dell’azienda “che dà lavoro”. Peccato che non ci siano nuovi dipendenti, tutto il lavoro è dato in appalto. E la produzione è delocalizzata a giro per il mondo, non certo a Treviso. Made in Italy?

Ecco il servizio di Stefano Vergine andato in onda su Radio Popolare, che ringraziamo.

Annunci
Explore posts in the same categories: Geox

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “GEOX, LA NON-PRODUZIONE ITALIANA”

  1. Andrea Says:

    Ma… anche se fanno tutte le scarpe fuori dall’italia non creano posti di lavoro a montebelluna? non capisco il vostro argomento.. piu’ lavoro all’estero vuol dire anche piu’ lavoro in italia.

    • rb Says:

      Più lavoro all’estero vuol dire meno lavoro in Italia. Se le scarpe fossero fatte tutte nel nostro paese avresti molti più posti da operaio e dirigente qui, meno disoccupati e più tasse che rientrano allo stato. In questo modo, invece, la Geox spende di meno e guadagna di più. Ma le sue scarpe non costano comunque 10 euro, anzi. Il problema della delocalizzazione è questo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: